Semafori col timer, arriva la legge: in atto entro dicembre 2017 / Marco Dal Prà, 21 Giugno 2017

on . Postato in Attualità e notizie

IMG 1194

 

Semafori col timer, arriva la legge: in atto entro dicembre 2017 / Marco Dal Prà, 21 Giugno 2017

 

Si sente parlare spesso di multe per l’attraversamento degli incroci con il semaforo rosso, oppure per la durata troppo breve del giallo.

 

Entro dicembre, arriva anche in Italia una legge che regolarizza l’utilizzo di semafori con il timer conta-secondi. Già visti in qualche caso, fino ad ora erano stati installati solamente in via sperimentale. Per fine anno la cosa sarà finalmente regolarizzata.

 

È in arrivo nella Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dei Trasporti che attua la legge 120 del 2010 (la “miniriforma del Codice della Strada”) che consente l’installazione di display con timer nelle apparecchiature semaforiche (https://goo.gl/XfqLx5).

 

Dopo sette anni di sperimentazione, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha constatato l’effettiva utilità dei contatempo, consentendo di utilizzarli in tutti i semafori. Continuerà ad essere comunque a discrezione dell’ente gestore della strada.

 

La loro effettiva entrata in funzione avverrà attorno al mese di dicembre 2017, poiché devono passare sei mesi per l’attuazione del decreto ministeriale.

 

Basta quindi ricorsi per le multe assegnate per il passaggio con semaforo rosso, con scusante dell’essere passati con il giallo.

 

FONTE: http://www.allaguida.it/articolo/semafori-col-timer-arriva-la-legge-in-atto-entro-dicembre/130881/

 

Pedone investito e concorso di colpa: è più favorevole la disciplina dell'omicidio stradale? / Venerdì 23 giugno 2017 / di D’Auria Donato - Magistrato

on . Postato in Attualità e notizie

IMG 1193

 

 

Pedone investito e concorso di colpa: è più favorevole la disciplina dell'omicidio stradale? / Venerdì 23 giugno 2017 / di D’Auria Donato - Magistrato

 

Con la sentenza n. 29721 dell’1/3/17 (dep. 14/6/17) la Suprema Corte affronta il tema dei rapporti tra la fattispecie delittuosa di recente introduzione di cui all’art. 589 bis c.p. (https://goo.gl/Q2DGES) e la vecchia previsione dell’omicidio colposo aggravato dalla violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale di cui all’art. 589, comma 2, c.p. (https://goo.gl/MtyMWz), mettendone in risalto - pur nella riconosciuta continuità normativa e sanzionatoria - le differenze, senza però giungere ad affermare in termini generali quale delle due discipline sia più favorevole, posto che nel caso concreto la questione era di evidente soluzione.

 

Cassazione penale, sezione IV, sentenza 14 giugno 2017, n. 29721: https://goo.gl/iaYfzD

 

Quello dell’investimento del pedone è un ambito della circolazione stradale in cui spesso si tende a sovrapporre il piano della causalità con quello della colpa: un primo indirizzo della giurisprudenza di legittimità risolve la questione dal punto di vista causale ed afferma che deve essere esclusa la responsabilità del conducente, quando la condotta del pedone configuri per le sue caratteristiche una vera causa eccezionale, atipica e non prevedibile che sia stata da sola sufficiente a provocare l’evento.

 

Altro più condivisibile orientamento imposta la questione sul piano della colpa, nel senso che valuta la possibilità o l’impossibilità di avvistamento del pedone (e, dunque, la prevedibilità o l’imprevedibilità dell’attraversamento) e l’assenza della violazione di regole cautelari da parte dell’automobilista. Del resto, effettivamente è l’avvistamento del pedone che fa scattare la prevedibilità del pericolo, che è scongiurato solo con l’adozione della regola cautelare.

 

La sentenza in commento si colloca all’interno di questo secondo indirizzo, laddove affronta in termini di prevedibilità\imprevedibilità il comportamento tenuto dal pedone.

 

Il caso pratico di cui la Suprema Corte si è dovuta occupare è quello di un imputato condannato sia in primo che in secondo grado per il reato di omicidio colposo aggravato dalla violazione della disciplina della circolazione stradale, per avere investito un pedone, che era intento all’attraversamento della sede stradale da sinistra verso destra rispetto alla direzione di marcia del veicolo, provocandogli lesioni personali da cui era conseguita la morte.

 

L’arresto dei giudici di legittimità che si commenta si segnala perché affronta il tema dei rapporti tra la fattispecie delittuosa di cui all’art. 589 bis c.p. e la vecchia previsione dell’omicidio colposo aggravato dalla violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale di cui all’art. 589, comma 2, c.p., mettendone in risalto - pur nella riconosciuta continuità normativa e sanzionatoria - le differenze.

 

Ed invero, con uno dei motivi di ricorso il difensore chiedeva l’applicazione della disciplina prevista dall’art. 589 bis c.p., istituto che era sopravvenuto alla pronuncia della sentenza di secondo grado da ritenersi di immediata applicazione in quanto di rilievo sostanziale e maggiormente favorevole nei confronti del condannato. Tale norma, invero, al comma 7, contempla una speciale circostanza attenuante per le ipotesi in cui l’evento sia conseguenza anche di una condotta della vittima o di terzi (qualora l’evento non sia esclusiva conseguenza dell’azione o dell’omissione del colpevole, recita il comma 7 dell’art. 589 bis c.p.), che nel caso in specie poteva ricorrere in ragione della particolare insidiosità dell’incrocio e della operazione di attraversamento operata dalla persona offesa.

 

La Suprema Corte ha ritenuto infondate le doglianze difensive sul punto ed ha affermato che è errato il presupposto da cui muove il ragionamento logico giuridico del ricorrente e cioè che la nuova disciplina sull’omicidio stradale di cui alla legge n. 41/16 si presenti quale disposizione più favorevole per l’imputato rispetto alla previsione di cui all'art. 589, comma 2, c.p..

 

Se è vero infatti che la disciplina sanzionatoria delle due disposizioni penali (art. 589 bis, comma 1 e vecchio art. 589, comma 2, c.p.) è la medesima (reclusione da due a sette anni) e pertanto sussiste piena continuità normativa e sanzionatoria sotto questo profilo, del tutto distinto è il regime giuridico delle due fattispecie succedutesi, atteso che la disposizione di cui all’art. 589, comma 2, c.p. costituiva, unitamente a quella dell'omicidio colposo commesso con violazione delle norme per la prevenzione di infortuni, ipotesi aggravata ad effetto speciale del reato di omicidio colposo, mentre la nuova previsione dell’omicidio stradale, nella fattispecie base di cui all’art. 589 bis, comma 1, c.p. di nuova introduzione, integra una ipotesi autonoma di reato.

 

In tal senso - continua la S. C. - depongono:

a) l’introduzione di un nuovo titolo di reato e di una previsione normativa distinta da quella di cui all’art. 589 c.p., che contempla l’omicidio colposo;

b) la circostanza che la nuova figura di reato presenti, come pena base, un trattamento sanzionatorio del tutto corrispondente a quello originariamente previsto per l'omicidio colposo aggravato dalla violazione delle norme sulla circolazione stradale, così da delineare il nuovo ambito della previsione e da delimitare la piattaforma sanzionatoria per una fattispecie interamente dedicata a tutelare il bene giuridico della vita dagli attentati che, sotto diversa forma e con crescente intensità e grado di colpa, possano essere realizzati nell’ambito della circolazione stradale;

c) la circostanza che sia per il delitto di cui all’art. 589 bis c.p., sia per quello di cui all’art. 590 bis c.p. sono previste una congerie di ipotesi aggravate, nonché una ipotesi attenuata che risulterebbero giustificate solo qualora si ritenesse che la ipotesi base, disciplinata al primo comma delle disposizioni predette, costituisca una (nuova) ipotesi autonoma di reato e non una fattispecie circostanziale del reato di omicidio colposo.

 

Sulla base di tali premesse volte a chiarire i rapporti tra i reati di omicidio colposo e di omicidio stradale, i giudici di legittimità - pur senza giungere ad affermazioni di carattere generale - hanno concluso che nel caso specifico portato alla loro attenzione, se anche ricorresse l’ipotesi attenuata di cui al comma 7 dell’art. 589 bis c.p., che prevede una riduzione fino alla metà della pena base, l’imputato non potrebbe beneficiare di un trattamento sanzionatorio più favorevole rispetto a quello applicato. In particolare, essendo state allo stesso riconosciute le circostanze attenuanti generiche con giudizio di equivalenza rispetto alla circostanza aggravante di cui all’art. 589, comma 2, c.p., gli è stata applicata la pena minima riservata alla ipotesi non aggravata di omicidio colposo (mesi sei di reclusione), mentre - pure riconoscendo al prevenuto la speciale attenuante di cui al comma 7 dell’art. 589 bis c.p. invocata, in concorso con le circostanze attenuanti generiche, pure applicate nella massima estensione - la pena minima prevista per l’ipotesi criminosa di cui all’art.589 bis c.p. non potrebbe essere inferiore a mesi otto di reclusione (anni due di reclusione ridotta della metà per l’attenuante speciale ex art.589 bis, comma 7, c.p. e, infine, ridotta di un terzo per le circostanze attenuanti generiche), pena pertanto superiore a quella in concreto applicata.

 

FONTE: http://www.quotidianogiuridico.it/documents/2017/06/23/pedone-investito-e-concorso-di-colpa-e-piu-favorevole-la-disciplina-dell-omicidio-stradale

Frosinone / Svoltesi le fasi finali del PREMIO ROBERTO COCCO PER LA SICUREZZA E L'EDUCAZIONE STRADALE, organizzato dalla sede locale dell'AIFVS-onlus / Venerdì 26 maggio 2017, Villa Comunale / Comunicato del 27.05.2017

on . Postato in Attualità e notizie

Frosinone / Svoltesi le fasi finali del PREMIO ROBERTO COCCO PER LA SICUREZZA E L'EDUCAZIONE STRADALE, organizzato dalla sede locale dell'AIFVS-onlus / Venerdì 26 maggio 2017, Villa Comunale / Comunicato del 27.05.2017

 

Per l'illustrazione complessiva dell'evento: https://goo.gl/A3FTvC

 

FOTOGRAFIE: https://goo.gl/9gRdND

 

ARTICOLI DI STAMPA:

https://goo.gl/1UmxTx

https://goo.gl/Scpr9p

 

Nella mattinata di venerdì 26 aprile 2017, presso la Villa Comunale di Frosinone, hanno avuto luogo le fasi finali del PREMIO ROBERTO COCCO PER LA SICUREZZA E L'EDUCAZIONE STRADALE (www.robertococco.it).

 

Per sottoporsi alla "gara" finale, a partire dalle ore 9.00, sono giunte tutte le classi che, nei vari istituti comprensivi coinvolti nel progetto, sono risultate prime nei "gironi" interni ai vari plessi.

 

Le prove ed il controllo dei risultati sono stati un'operazione decisamente complessa, dati la ristrettezza dei tempi ed il numero delle classi finaliste, ma alla fine, grazie ai numerosi volontari "arruolati" fra parenti, amici e simpatizzanti, si è riusciti a stilare la graduatoria dei vincitori rispettando la tabella di marcia programmata.

 

QUINTE ELEMENTARI:

  • 1ª classificata, VB "Maiuri", quarto I.C. di Frosinone;
  • 2ª classificata, VA "Cameracanne", primo I.C. di Ferentino;
  • 3ª classificata, VA "Fontana Scurano", secondo I.C. di Alatri.

 

SECONDE MEDIE:

  • 1ª classificata, IIC "Sacchetti Sassetti", secondo I.C. di Alatri;
  • 2ª classificata, IID, secondo I.C. di Ceccano;
  • 3ª classificata, IIG "Giorgi", secondo I.C. di Ferentino.

Tra gli insegnanti che si sono cimentati con i quiz per il conseguimento della patente, sono risultati vincitori:

  • 1ª classificata, Francesca BIANCHI;
  • 2ª classificata, Francesca GALEI.

Presenti folte delegazioni delle cinque polizie locali che hanno collaborato con il Premio Roberto Cocco (Alatri, Ceccano, Ferentino, Frosinone, Fumone), con la partecipazione dei comandanti Donato MAURO (Frosinone) e Corrado CIAVARDINI (Fumone).

 

Anche il comandante della polizia stradale di FROSINONE Vincenzo LOMBARDO ha voluto essere presente inviando una sua delegazione.

 

Hanno portato il loro saluto Maurizio FEDERICO, presidente dell'ACI di Frosinone e Bruno PIETROBONO (Marco Pietrobono onlus).

 

A salutare gli organizzatori è giunto, al termine della mattinata, il sindaco di FROSINONE Nicola OTTAVIANI.

Frosinone / PREMIO ROBERTO COCCO PER LA SICUREZZA E L'EDUCAZIONE STRADALE, organizzato dalla sede locale dell'AIFVS-onlus / Venerdì 26 maggio 2017 le "gare" finali e le premiazioni / Villa Comunale, ore 9.00 gare, ore 11.00 premiazioni / Comunicato del 24

on . Postato in Attualità e notizie

Frosinone / PREMIO ROBERTO COCCO PER LA SICUREZZA E L'EDUCAZIONE STRADALE, organizzato dalla sede locale dell'AIFVS-onlus / Venerdì 26 maggio 2017 le "gare" finali e le premiazioni / Villa Comunale, ore 9.00 gare, ore 11.00 premiazioni / Comunicato del 24.05.2017

 

Foto delle premiazioni degli anni immediatamente precedenti:

Venerdì 26 maggio 2017 avranno luogo le fasi conclusive del PREMIO ROBERTO COCCO PER LA SICUREZZA E L'EDUCAZIONE STRADALE, nato all'inizio dell'anno scolastico 2004-2005 per volontà dei parenti e degli amici del giovane Roberto Cocco, perito in un incidente stradale il 20 febbraio 2004.

 

Dopo quella prima esperienza, ogni anno, senza soluzione di continuità, il progetto è stato sottoposto, con sempre maggiore successo, all'attenzione degli studenti della provincia di Frosinone, arrivando, con l'anno scolastico 2016-2017, alla sua tredicesima edizione.

 

Avendo costituito, nel 2005, gli organizzatori del Premio una sede locale dell'Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus (AIFVS), da quell'anno il progetto si è svolto sotto l'egida di quell'organizzazione.

 

Nel settembre del 2014 è stata costituita l'Associazione Roberto Cocco per la sicurezza stradale onlus (www.robertococco.it), aderente all'AUFV (Associazione unitaria familiari e vittime - www.aufv.it) e membro della Consulta per la sicurezza stradale del Comune di Roma.

 

Cardine del progetto il "campionato" sul codice della strada, con "gare" fra le diverse classi (quinte elementari e seconde medie), svolte utilizzando i quiz ufficiali del Ministero dell'interno (https://goo.gl/WugdD9).

 

Coinvolti ben sei Comuni (Alatri, Ceccano, Collepardo, Ferentino, Frosinone, Fumone), dieci istituti comprensivi e cinque polizie locali, che hanno tenuto negli istituti del proprio comune incontri con i docenti e gli studenti, incentrati sui principi basilari di una corretta circolazione stradale.

 

Dopo che, nelle settimane scorse, si sono svolti "gironi" all'interno di ogni plesso, le classi meglio classificate di ogni plesso si "scontreranno" fra di loro (le quinte con le quinte, le seconde con le seconde), nella prima mattinata di venerdì 27 maggio, presso la Villa Comunale di Frosinone.

 

La premiazione è prevista per le ore 11.00.

Presentatrice della manifestazione sarà, come ormai da tradizione, Paola PALLESCHI.

 

Per intrattenere il pubblico, sarà presente la banda musicale del secondo istituto comprensivo di Ferentino.

 

Per le classi meglio classificate sono previsti, come premio, biglietti per il cinema NESTOR e buoni per il McDONALD.

Biglietti per il cinema verranno altresì consegnati a tutti i bambini e gli studenti che hanno partecipato al progetto con disegni e testi.

Così come, per i docenti che vorranno "gareggiare" sui quiz per la patente, sono previsti, come premi, un viaggio per due persone in una località italiana ed un'iscrizione gratuita all'ACI.

 

==========

 

Classi ammesse alla prova finale:

 

Istituto comprensivo primo Alatri

- IIB scuola media "Dante Alighieri";

- VA primaria "Lisi";

- VA primaria "Monte San Marino".

 

I.C. Alatri secondo

- IIC scuola media "Sacchetti Sassetti";

- VA primaria "Fiura";

- VA primaria "Fontana Scurano";

- VA primaria "Collelavena";

- VA primaria Collepardo.

 

I.C. "Egnazio Danti" Alatri

- IIC media "Egnazio Danti";

- VC primaria "Felice Cataldi";

- VA primaria "Mole Bisleti".

 

SECONDO COMPRENSIVO Ceccano

- IIC e IID media;

- VA primaria "Borgo Berardi";

- VA primaria "San Francesco";

- VC primaria "Passo del Cardinale".

 

Istituto comprensivo primo Ferentino

- IIA media Fumone

- VA primaria Fumone

- VB primaria CAPOLUOGO "Paolini"

- VA primaria Pasciano

- VA primaria "Cameracanne"

- VA primaria "Salvatori" Colle Silvi

- VA primaria "S. Cola".

 

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 Ferentino

- IIG e seconda I media "Giorgi"

- VB primaria "Giovanni Paolo II" (Torre Noverana)

- VB primaria "Don Guanella".

 

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO Frosinone

- IIB media "Aldo Moro";

- VB primaria "Aldo Moro";

- VC primaria "De Matthaeis";

- VA primaria "De Carolis".

 

SECONDO COMPRENSIVO Frosinone

- IIB e IIH media "Pietrobono"

- VB primaria "Giuseppe Verdi"

- VA primaria "Rinascita"

- VA primaria "Giovanni XXIII".

 

Comprensivo FROSINONE 3

- IIC e IIE media "Ricciotti";

- VA primaria "Dante Alighieri;

- VA primaria "Tiravanti";

- VB primaria "Ignazio De Luca".

 

Istituto comprensivo quarto Frosinone

- II mista media "Campo Coni";

- VA primaria "Cavoni";

- VB primaria "Maiuri".

 

Comunicato del 23 maggio 2017

Claudio Martino

 

=======

 

SPONSOR:

- Cinema NESTOR di FROSINONE (http://www.multisalanestor.it);

- MCDONALD'S di FROSINONE + MCDRIVE
(http://www.ristoranti.mcdonalds.it/ristorante/68 + http://goo.gl/mbfXwK);

- Agenzia Viaggi LAUDAN TRAVEL di Laura Carboni (http://goo.gl/o3vqhS);

- Automobil Club di FROSINONE (http://www.frosinone.aci.it).