Approvazione finale dell'istituzione della Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada / 8ª Commissione permanente Senato della Repubblica / 13 dicembre 2017

on . Postato in Attualità e notizie

IMG 2267

 

 

Approvazione finale dell'istituzione della Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada / 8ª Commissione permanente Senato della Repubblica / 13 dicembre 2017

Legislatura 17ª - 8ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 352 del 13/12/2017

IN SEDE DELIBERANTE

(2767)Deputati MINNUCCI ed altri. - Istituzione della Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada, approvato dalla Camera dei deputati 

(Discussione e approvazione)

Il PRESIDENTE ricorda che la Commissione ha già concluso in sede referente l'esame del disegno di legge in titolo, il 17 ottobre 2017, senza apportare modifiche rispetto al testo approvato in prima lettura dalla Camera dei deputati. In quella occasione, la Commissione aveva infatti convenuto di concludere l'esame in sede referente, nelle more dell'acquisizione dell'assenso del Governo al passaggio in sede deliberante, fermo restando che il provvedimento avrebbe potuto eventualmente essere riassegnato dal Presidente del Senato in sede deliberante.

Il 10 novembre 2017 il provvedimento è stato nuovamente assegnato in sede deliberante: propone pertanto di dare per acquisite le fasi di esame già svolte in sede referente e, in particolare, la relazione e la discussione generale, nonché i pareri già resi dalle Commissioni consultate, tutti di tenore non ostativo o non ostativo con osservazioni.

Avverte inoltre che, nel frattempo, è pervenuto anche il parere della Commissione Igiene e sanità, anche esso di tenore non ostativo.

Propone quindi di rinunciare alla fissazione di un termine per la presentazione di emendamenti, in modo da poter procedere direttamente alla votazione sul testo.

La Commissione conviene con le proposte del Presidente.

Il relatore Stefano ESPOSITO (PD) ringrazia tutti i colleghi per il sostegno dato al disegno di legge e alla richiesta della sede deliberante. Ricorda l'importante valore del provvedimento in esame, molto atteso dalle associazioni delle famiglie delle vittime degli incidenti stradali.

Il senatore SONEGO (Art.1-MDP) interviene in dichiarazione di voto, preannunciando il sostegno del suo Gruppo al provvedimento in esame.

Sottolinea però che il contrasto al fenomeno luttuoso delle vittime della strada non può limitarsi a questo disegno di legge, che ha un valore soprattutto simbolico, ma richiede l'adozione di misure normative concrete, altrimenti diventa una sorta di ipocrisia. Critica quindi il fatto che il Parlamento e il Governo non siano stati in grado in questa legislatura di approvare la riforma del codice della strada, che sarebbe invece fortemente necessaria per contrastare il fenomeno degli incidenti stradali. Cita a titolo di esempio il fatto che molti veicoli commerciali sfreccino a grande velocità sulle autostrade senza essere dotati dei necessari dispositivi di sicurezza.

Nessun altro chiedendo di intervenire, il PRESIDENTE avverte quindi che si passerà alla votazione finale del provvedimento nel suo complesso, essendo lo stesso composto da un unico articolo.

Verificato il prescritto numero di senatori, la Commissione approva all'unanimità il provvedimento nel suo complesso, nel testo approvato dalla Camera dei deputati.

FONTE: https://goo.gl/WBS8xa

Frosinone / Trasmissione radiofonica sulla sicurezza stradale / Mercoledì 13 dicembre 2017 / Conduttrice Giada GIORGI, invitati Bruno PIETROBONO (Marco Pietrobono onlus), Franco COCCO (AIFVS onlus), Claudio MARTINO (AUFV onlus) ed Ivan LANDO (CRI di Frosi

on . Postato in Attualità e notizie

73A2DDA0 3129 4879 B2A8 17D626B527FA 211 0000005777F284A2

 

Frosinone / Trasmissione radiofonica sulla sicurezza stradale / Mercoledì 13 dicembre 2017 / Conduttrice Giada GIORGI, invitati Bruno PIETROBONO (Marco Pietrobono onlus), Franco COCCO (AIFVS onlus), Claudio MARTINO (AUFV onlus) ed Ivan LANDO (CRI di Frosinone)

LA TRASMISSIONE DI RADIO DAY in podcast: https://goo.gl/zFNAvm

Intervento di Alberto PALLOTTI, presidente dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus (AIFVS), al seminario nazionale “Ambiente salute e sicurezza nei luoghi di lavoro” (Foggia, 12 e 13 dicembre 2017) TITOLO: E se i risarcimenti pe

on . Postato in Attualità e notizie

Intervento di Alberto PALLOTTI, presidente dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus (AIFVS), al seminario nazionale “Ambiente salute e sicurezza nei luoghi di lavoro” (Foggia, 12 e 13 dicembre 2017).

Non potendo essere presente all'evento, Alberto PALLOTTI si è fatto rappresentare da Claudio MARTINO, che ha letto il suo intervento.

LA BROCHURE DEL SEMINARIO: https://goo.gl/itTM3Q

TITOLO: E se i risarcimenti per gli incidenti stradali fossero gestiti dall’INAIL od ente similare?

L’Associazione italiana familiari e vittime della strada ha notevolmente contribuito all’approvazione della legge sull'”omicidio stradale”.
È fuor di dubbio che, come tutte le leggi, può e deve essere migliorata, ma nel complesso, a nostro avviso, va giudicata positivamente.
Molti la ritengono sbagliata e controproducente.
Uno degli argomenti preferiti dai detrattori è che, dopo l’introduzione dell'”omicidio stradale”, non si è registrato un calo significativo degli incidenti, come se l’unica finalità di una norma penale fosse la deterrenza e non anche dare giustizia alle vittime.
La prima obiezione che sorge spontanea è che, per ottenere statistiche scientificamente attendibili su un fenomeno complesso come l’incidentalità stradale, serve un arco temporale più lungo dell’anno e mezzo che ci separa dalla promulgazione della legge.
E poi, ai fini dell’efficacia deterrente di una norma, non conta da quanto tempo essa è stata introdotta nel codice, ma dalla consapevolezza, nell’opinione pubblica, della sua esistenza ed effettività.
In parole povere, l'”omicidio stradale” svolgerà efficacemente una funzione deterrente solo quando, dopo un numero significativo di condanne in base alla nuova legge, ogni cittadino avrà conoscenza diretta di persone che, a differenza che nel passato, sono state punite severamente per aver cagionato la morte o lesioni gravissime a causa di una condotta criminale nella guida.

Dopo un incidente stradale, sia esso mortale e/o causa di invalidità permanente, inizia per le vittime (intendendo, ovviamente, per vittime anche i loro familiari ed amici) un lungo calvario, anche giudiziario.
I responsabili degli incidenti raramente ammettono la loro colpa e spesso tentano di farla ricadere sulla vittima, specie se quest’ultima non può più raccontare come sono andate le cose, amplificando così la sofferenza delle vittime sopravvissute e dei familiari di vittime.
Non meglio va nel procedimento per ottenere di essere risarciti.
In molti, troppi casi, le vittime si rivolgono a legali che preferiscono accordi veloci, su cifre basse, con le assicurazioni, a cause giudiziarie che li obbligano a lavorare con impegno per ottenere il giusto.
Certo, il giusto… sembra assurdo – e lo è effettivamente – dare un valore congruo ad una vita umana e alla salute di un essere umano…
Pensiamo ad un grande campione dello sport, uno che guadagna milioni di euro… se fosse stato ucciso da bambino, magari investito da un ubriaco sulle strisce davanti a scuola, nessuno avrebbe mai saputo che poteva diventare il numero uno mondiale e guadagnare cifre enormi… questo sistema iniquo ti mette davanti le tabelle, ti dice che la vita di un bambino vale poco, in quanto non produce nulla, vale solo affettivamente, ti fa una proposta e tu l’accetti, stremato dal dolore…
Morale, assicurazioni soddisfatte, perché a fine anno gli utili crescono, frutto della differenza tra premi incassati e risarcimenti pagati.
Molti avvocati lavorano per arrivare ad una definizione quanto più veloce del risarcimento, prendono il loro bel 10 per cento, troppo spesso in nero, e dopo sei mesi incassano la loro parcella. Un sistema perfetto, un business enorme.
Ma secondo voi, è giusto che risarcimenti milionari vengano sempre e solo decisi tra avvocato e liquidatore senza la decisione di un giudice?
Perché è questa la realtà. Portatemi qui dei casi in cui un giudice ha deciso il valore di una vita umana ed io vi porterò, 100 volte tanto, casi nei quali il valore alla vita umana l’hanno dato i parenti delle vittime.
Perché, è bene si sappia, chi accetta il denaro relativo alla morte di un congiunto, ha stabilito anche il valore della sua vita. E questo le vittime non lo capiscono, in molti casi spinte da professionisti che ripetono loro, a mo’ di ritornello, che i processi sono lunghissimi e che alla fine la liquidazione potrebbe risultare anche inferiore, se decisa da un giudice.
Certo, la liquidazione dell’onorario, stabilita da un giudice, si aggira sul 3 per cento del valore, mentre nel caso di trattativa privata si ottiene come minimo un 6/8, a volte anche un 30 per cento.
Con pochissimo sforzo… un paio di raccomandate, incontri, telefonate, minacce di causa e poi arrivano i soldi… una vergogna…

Le mie parole non vogliono essere un attacco alla categoria degli avvocati oppure ad altre categorie.
Fondamentale è togliere forza agli interessi economici che sono contigui alla strage stradale.
Solo così potremo affrontare questa delicata tematica, che vive di una commistione tra interesse pubblico ed interesse privato.
Certo, se la giustizia fosse più veloce, puntuale, seria, non si potrebbe fare più leva su alcune debolezze di operatori del settore…
Spinto da tutte queste considerazioni, ho cominciato a lavorare ad un’ipotesi, da molti ai quali è stata illustrata giudicata interessante e che quanto prima sottoporrò formalmente all’intera AIFVS.
Un’ipotesi “rivoluzionaria”, che va dritta al cuore del problema, disarmante perché a mio avviso fattibile e molto vantaggiosa per tutti.
Perché esiste l’INAIL?
Perché molto tempo fa, durante il fascismo, si decise che non si poteva lasciare in mano alle assicurazioni private la tutela sul lavoro. Troppi i casi di lavoro in nero.
Allora è stato fondato l’INAIL. Giova ricordare che l’INAIL è il tesoro dello Stato. Produce utili enormi, minimo 600 milioni di euro, ma arriva anche a 3 miliardi di euro l’anno.
Ma vi rendete conto che le morti bianche sono 1000 l’anno? E che 500 sono vittime della strada? Si può capire facilmente che l’incidente stradale è un fenomeno almeno 20 volte superiore, perché ci sono i feriti.
Per quale motivo non è stata tolta alle assicurazioni private la gestione delle RC auto? Magari accorpando il servizio all’INAIL? Si darebbe vita ad un nuovo ente, che produrrebbe utili spaventosi, secondo i miei calcoli almeno 10 miliardi di euro l’anno.
Certo, utili da togliere alle assicurazioni, al privato.
Allora, perché da un punto di vista squisitamente economico, vogliamo dare 10 miliardi ogni anno, ma sono di più in realtà, a poche persone, che oltretutto per la maggior parte sono straniere e portano i capitali fuori dell’Italia?
10 miliardi di euro sono una finanziaria, potremmo con questi soldi abbassare il costo della benzina, aumentare lo sport, promuovere l’agricoltura dei nostri giovani.
Ma com’è che nessuno ha pensato ad una siffatta riforma?
Verrebbe creato un sistema molto più equo, un’assicurazione di Stato che proteggerebbe tutti, anche dai veicoli non assicurati, che ci difenderebbe più efficacemente dai pirati della strada, anche nel caso di incidenti senza colpevoli, che lasciano famiglie senza reddito e senza ristoro.
Ricapitolando, il nuovo ente – che in realtà potrebbe anche non essere un nuovo istituto assicurativo, ma lo stesso INAIL – dovrebbe svolgere, mutatis mutandis, rispetto agli infortuni sulla strada, le stesse funzioni attualmente ricoperte dall’INAIL nei confronti degli infortuni sul lavoro.
Potrebbe-dovrebbe tutelare ogni veicolo circolante, anche in assenza di copertura assicurativa, il che sarebbe sicuramente un passo avanti importantissimo, rispetto all’odierno fondo di garanzia per le vittime dei pirati della strada, limitato ed inefficace.
L’enorme utile renderebbe necessaria la creazione di nuovi posti di lavoro.
Ai fini della solidarietà fra tutte le vittime della strada, ora del tutto isolate fra di loro nel loro rapporto individuale con le assicurazioni private, sarebbe importantissima l’instaurazione del meccanismo della rendita, proprio dell’INAIL, nel risarcimento degli infortuni.
Si potrebbe studiare un sistema misto di quota capitale e rendita, esattamente come fa l’INAIL.
POTREBBE ESSERE DECISA, ad esempio, una soglia di risarcimento sotto la quale avrebbe luogo la tradizionale liquidazione in conto capitale, mentre – e questo “costringerebbe” gli infortunati a fare gioco di squadra, a beneficio proprio e di tutte le vittime della strada future – sopra tale soglia potrebbe essere assegnata una rendita.
Nel caso di decesso, così come fa attualmente l’INAIL, il nuovo istituto potrebbe procedere a liquidazione in conto capitale tabellare, mettendo in modo, altresì, meccanismi di tutela dei figli minori e del coniuge convivente.
La rendita, come forma di risarcimento privilegiata rispetto alla liquidazione, produrrebbe inevitabilmente, come già accennato, tra i beneficiari, l’esigenza di fare associazionismo, creando così una massa critica capace di fare pressione sulle istituzioni ed i mass media.
Si instaurerebbe un meccanismo virtuoso di vittime che, per proteggere la propria rendita ed i propri interessi, sarebbero invogliate ad associarsi per le dichiarazioni annuali, per la rivalutazione, eccetera, analogamente a quanto accade oggi nell’ambito degli infortuni sul lavoro.
Sorgerebbero patronati di vittime della strada, forse addirittura sindacati…
E questo fenomeno, quello dell’aggregazione fra vittime, sarebbe importante, se non addirittura fondamentale, per chi, come noi, si preoccupa senz’altro di far ottenere un adeguato risarcimento alle vittime e ai loro familiari, ma persegue, con altrettanti interesse e determinazione, l’obiettivo di imporre, al Parlamento ed a tutte le istituzioni, l’adozione ed il rispetto di norme più efficaci per una maggiore sicurezza di tutti gli utenti della strada.
Si potrebbe creare un nuovo modo di intendere la lotta alla strage stradale, con potere contrattuale almeno pari a quello oggi detenuto dai sindacati dei lavoratori nelle trattative con i datori di lavoro.
Lo stesso nuovo ente potrebbe essere dotato di poteri ispettivi come quelli dello SPISAL, ai fini di fare prevenzione.
Sarebbe suo interesse ECONOMICO PROMUOVERE azioni atte a ridurre la strage stradale per l’ovvio e concreto motivo che meno sono gli “incidenti”, maggiore sarebbe il suo utile.
Sarebbe una rivoluzione copernicana rispetto al prevalente modo di intendere l'”incidente stradale”, che rappresenta, per diverse categorie private, un’enorme fonte di guadagno.
Con il nuovo ente entrerebbe, nel panorama politico ed economico del nostro Paese, un soggetto con un interesse economico concreto a ridurre la strage stradale, con risparmi enormi anche per il sistema sanitario nazionale.
In questo momento, le assicurazioni private incassano i premi, erogano le liquidazioni e realizzano utili a fine anno elevati.
Il costo reale degli incidenti stradali non è, tuttavia, rappresentato dalla sola liquidazione del danno ma, a carico dell’intera collettività e non delle assicurazioni, anche dal costo delle cure degli infortunati, costo quantificabile in percentuali sostanziose del PIL.
Attualmente, sul premio assicurativo viene caricato un 10,50% di contributo, che la compagnia assicurativa gira allo Stato come costo forfettario per le spese sostenute dalle strutture sanitarie.
Perciò, nessun ospedale può esigere il pagamento delle spese mediche dall’assicurazione del veicolo “colpevole” in un incidente.
Questa insostenibile situazione può essere cambiata proprio destinando una parte dei profitti enormi del nuovo ente alla copertura del deficit della sanità pubblica legato alla strage stradale.
Sarebbe importante, inoltre, che almeno un rappresentante delle vittime della strada fosse incluso negli organi di controllo ministeriale, al pari di quello che attualmente accade con l’ANMIL, il cui presidente è membro di diritto del CIV (Comitato interministeriale di vigilanza sull’INAIL).
Potrebbero essere estese le competenze del CIV al nuovo ente od aumentate quelle dell’INAIL, affinché possa incorporare le funzioni che la mia ipotesi vorrebbe attribuire al nuovo ente.
Con la creazione di un’alternativa così grande ed autorevole, le assicurazioni private si vedrebbero costrette a ridurre le loro pretese nel pagamento dei premi.
L’unico inconveniente ravvisabile in tale riforma è la perdita di utili per le assicurazioni private, che farebbero, ovviamente, una spietata guerra alla proposta che sto illustrando.
Particolarmente raccomandabile sarebbe, perciò, procedere per gradi, evitando di ipotizzare, anche soltanto come esercizio di scuola, una nazionalizzazione del settore, sempre ribadendo che al consumatore non verrà mai sottratta, in campo assicurativo, la libera scelta fra settore pubblico e privato.
ULTIMO DISCORSO, quello degli investimenti necessari: non ne servirebbe, in pratica, nessuno, se non nella fase iniziale; il nuovo organismo realizzerebbe utili enormi, sottraendoli ai privati e rimettendoli in gioco a vantaggio dell’intera collettività.
Alberto Pallotti, presidente AIFVS

Foggia / 3º seminario nazionale "AMBIENTE, SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO", sul tema: "Dallo statuto dei lavoratori subordinati a quello dei lavoratori autonomi confidando in una ripresa economica"'/ 12 e 13 dicembre 2017, dalle ore 9.00 alle ore

on . Postato in Attualità e notizie

Foggia (Italia) / 3º seminario nazionale "AMBIENTE, SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO", sul tema: "Dallo statuto dei lavoratori subordinati a quello dei lavoratori autonomi confidando in una ripresa economica"'/ 12 e 13 dicembre 2017, dalle ore 9.00 alle ore 19.00 / Palazzo Dogana, piazza XX Settembre

LOCANDINE EDIZIONI PRECEDENTI: https://goo.gl/of3qRP

IMG 2224

IMG 2227

IMG 2228

IMG 2229

IMG 2226

IMG 2225

«Modena, serve un centro d’assistenza per le vittime della strada» / Lo chiede Franco Piacentini, presidente modenese dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus (AIFVS) / GAZZETTA DI MODENA, 9 dicembre 2017

on . Postato in Attualità e notizie

IMG 2206

 

«Modena, serve un centro d’assistenza per le vittime della strada» / Lo chiede Franco Piacentini, presidente modenese dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada onlus (AIFVS) / GAZZETTA DI MODENA, 9 dicembre 2017

 

Piacentini: «Chi perde un caro o resta disabile ha bisogno d’aiuto psicologico. L’Ausl crei un percorso tra ospedale e medici di base e un luogo con referente»

 

Link correlato: https://goo.gl/vEPYH1

 

MODENA. Un servizio di assistenza psicologica alle vittime della strada ed ai loro familiari, per avere un aiuto, per non sentirsi soli nell'affrontare un lutto estremo, per non cadere nel gorgo della depressione con conseguenza anche per gli altri famigliari.

 

E nel contempo un riferimento, un “luogo” dove gli stessi famigliari possono segnalare, capire, conoscere e avere un aiuto per aiutare ed aiutarsi tramite una figura di sostegno. Lo chiede Franco Piacentini, presidente modenese dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada al direttore generale dell’Ausl e per conoscenza alla Regione, alla Provincia e Comune di Modena, che ha inoltrato la medesima richiesta a livello nazionale.

 

Alcuni dati per inquadrare il problema. Secondo l'Istituto Superiore di Sanità, ogni anno sulle strade italiane muoiono circa 3.500 persone, si provocano circa 20mila disabili gravi oltre a 250mila feriti. Bambini, ragazzi e anziani sono travolti nella misura rispettivamente dell'8, 10 e 12% come pedoni o ciclisti e questo fenomeno è la prima causa di morte per le classi anagrafiche fino a 45 anni, con una punta drammatica per le categorie tra i 18-25 anni e segnatamente per i maschi.

 

«Si tratta di un fenomeno patologico di massa, pesante e, per alcuni, particolarmente devastante e di difficile sostenibilità - sottolinea Piacentini - soprattutto se si tiene conto dell'altissimo numero di figure giovani che si perdono o che rimangono fortemente invalidate obbligando vittime e congiunti a misurarsi con uno scenario psichico e di vita "rovesciato", insopportabile, violento e crudele che la gran parte dell'opinione pubblica tende a rimuovere.

 

È una patologia articolata per maturità e classi di età anagrafiche e psichiche molto diverse: si immagini il quadro diversificato di chi perde un figlio nel fiore della vita, un bambino tanto atteso, un padre che produce reddito e dà sicurezza, una madre che ha dato la vita e garantisce una guida, un vecchio compagno di affetti e sostegno…».

 

«Chiediamo pertanto - dice Piacentini - un intervento mirato alla specificità e all'originalità di questo dramma. Proponiamo quindi di avviare un percorso organizzativo di rete con i Centri di Pronto Soccorso, di Neuro rianimazione, di Riabilitazione, Rieducazione e i Medici di base, capace di selezionare le competenze psicologiche più adatte per casi omogenei e per riconosciute capacità dei terapeuti che operano nel territorio.

 

È necessaria un'adeguata costruzione di competenze raffinate e mirate che riteniamo possono essere realizzate costruendo un ufficio apposito con numero verde di riferimento centralizzato che filtri indirizzi e sostenga casi singoli altrimenti destinati alla disperazione, all'abuso di psicofarmaci, all'evoluzione in altre patologie cliniche conseguenti alla depressione violenta.

 

Un ufficio che, in collaborazione con l'ufficio armi della questura, segnali l'opportunità di permettere o no la detenzione di armi e segnali l'opportunità di mantenere o meno il permesso di guida».(s.to)

 

FONTE: http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2017/12/09/news/serve-centro-d-assistenza-per-le-vittime-della-strada-1.16214124