Articolo 57 Legge 29/07/2010 n. 120 - Sicurezza stradale / https://goo.gl/HLHGbL Misure alternative alla pena detentiva 1. In luogo della misura detentiva dell’arresto prevista dall’articolo 116 del decreto legislativo n. 285 del 1992 e dagli articoli 1

on . Postato in Comunicati Stampa

Articolo 57 Legge 29/07/2010 n. 120 - Sicurezza stradale / https://goo.gl/HLHGbL

 

Misure alternative alla pena detentiva

 

1. In luogo della misura detentiva dell’arresto prevista dall’articolo 116 del decreto legislativo n. 285 del 1992 e dagli articoli 186, 186-bis e 187 del decreto legislativo n. 285 del 1992, come da ultimo, rispettivamente, modificati e introdotto dall’articolo 33 della presente legge, a richiesta di parte può essere disposta la misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali di cui all’articolo 47 della legge 26 luglio 1975, n. 354, e successive modificazioni, individuati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro della giustizia, preferibilmente tra i servizi sociali che esercitano l'attività nel settore dell’assistenza alle vittime di sinistri stradali e alle loro famiglie.

Articolo 60 Legge 29/07/2010 n. 120 - Sicurezza stradale / https://goo.gl/HLHGbL Caratteristiche degli impianti semaforici e di altri dispositivi 1. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da emanare, sentita la Conferenza Stato-ci

on . Postato in Comunicati Stampa

Articolo 60 Legge 29/07/2010 n. 120 - Sicurezza stradale / https://goo.gl/HLHGbL

 

Caratteristiche degli impianti semaforici e di altri dispositivi

 

1. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da emanare, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono definite le caratteristiche per l’omologazione e per l’installazione di dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci dei nuovi impianti semaforici, di impianti impiegati per regolare la velocità e di impianti attivati dal rilevamento della velocità dei veicoli in arrivo.

 

2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano decorsi sei mesi dall'adozione del decreto di cui al medesimo comma 1.

CASSAZIONE PENALE / sentenza 30237, sezione Quarta del 16-06-2017 / massima Deve ritenersi in materia di guida in stato di alterazione da assunzione di droghe che per l’accertamento del reato sia sufficiente l’analisi delle urine, laddove esso può essere

on . Postato in Comunicati Stampa

CASSAZIONE PENALE / sentenza 30237, sezione Quarta del 16-06-2017 / massima

Deve ritenersi in materia di guida in stato di alterazione da assunzione di droghe che per l’accertamento del reato sia sufficiente l’analisi delle urine, laddove esso può essere dimostrato attraverso gli accertamenti biologici in associazione ai dati sintomatici rilevati al momento del controllo, senza che sia necessario espletare un’analisi su campioni di diversi liquidi fisiologici, dovendosi ritenere priva di fondamento l’affermazione secondo la quale i protocolli prescrivono che l’analisi delle urine vada obbligatoriamente associata all’esame del sangue o a quello della saliva.

CASSAZIONE PENALE / sentenza 29759, sezione Quarta del 14-06-2017 / massima L’esclusione dell’arresto del conducente che si metta disposizione della polizia giudiziaria nelle ventiquattr’ore, previsto dall’articolo 189, comma 8 bis, Cds, non contraddice

on . Postato in Comunicati Stampa

CASSAZIONE PENALE / sentenza 29759, sezione Quarta del 14-06-2017 / massima

L’esclusione dell’arresto del conducente che si metta disposizione della polizia giudiziaria nelle ventiquattr’ore, previsto dall’articolo 189, comma 8 bis, Cds, non contraddice la sussistenza delle condizioni di quasi flagranza di cui all’articolo 382 Cpp, ma le dà per presupposte. Affinché, quindi, possa procedersi all’arresto in esito al delitto di fuga o di omissione di soccorso, devono ugualmente sussistere tutte le condizioni di flagranza o di quasi flagranza, in presenza delle quali il responsabile potrà evitare l’arresto ponendosi a disposizione della polizia giudiziaria entro le ventiquattr’ore.

TAR LOMBARDIA - Milano / sentenza 1267, sezione Terza del 07-06-2017 / massima In tema di sanzioni amministrative per l’eccesso di velocità dei veicoli rilevati da strumenti elettronici deve ordinarsi al Comune di Milano di modificare entro un termine di

on . Postato in Comunicati Stampa

TAR LOMBARDIA - Milano / sentenza 1267, sezione Terza del 07-06-2017 / massima

In tema di sanzioni amministrative per l’eccesso di velocità dei veicoli rilevati da strumenti elettronici deve ordinarsi al Comune di Milano di modificare entro un termine di novanta giorni dalla sentenza i verbali di contestazione delle infrazioni laddove contengono la dicitura che la scadenza del termine per la notifica decorre dalla lettura della foto che ritrae il veicolo condotto dal trasgressore da parte dell’agente della polizia municipale, dovendo invece ritenersi che il verbale debba indicare o che il termine di notifica del verbale decorre dall’accertamento, come indicato dalla legge, oppure che i termini decorrono dalla commessa violazione, salva la necessità di acquisire informazioni indispensabili da altri organismi.